02
10
2016

Hubbers – Oggi intervistiamo Gaia Realini, arrivata a Vitamina C per conoscere il Terzo Settore.

Gaia Realini è arrivata da poche settimane, ma si è già ambientata benissimo. L’intervista?  La facciamo davanti alla macchinetta del caffè, in pausa pranzo, nell’area relax di VitaminaC. Per lei, 28 anni e una laurea in giurisprudenza alle spalle, l’ingaggio è avvenuto tramite la Fondazione di Comunità di Malnate, dove ha cominciato a lavorare come collaboratrice Junior. Ben presto ha capito che aveva bisogno di un posto dove conoscere il nuovo mondo in cui era approdata, ovvero quello del non profit. VitaminaC, dunque, faceva proprio al caso suo.

«Ho studiato Giurisprudenza – racconta Gaia – prima a Varese e poi a Milano. Ma fin da piccola mi sono fatta coinvolgere in tantissimi attività: dall’atletica, all’attività di baby sitting. Tra le medie e le superiori, ho fatto esperienze di volontariato con i ragazzi disabili a “La Finestra” e accanto ai bambini del doposcuola all’oratorio. Anche durante gli studi ho sempre cercato di lavorare per contribuire alle spese». Negli anni che vanno dalla sua maturità scientifica ad oggi non le è mancato nulla: studio, lavoro, viaggio all’estero e anche qualche mese come praticante in uno studio di avvocati.  Cosa si porta dietro? «Tante esperienze – dice – ma anche la consapevolezza che forse il lavoro come avvocato non fa per me». Purtroppo in questi anni Gaia ha dovuto superare la prova di una malattia. «Un bruto anno» racconta ora, sapendo di aver scritto la parola fine.

Cosa si aspetta da questa esperienza? Sicuramente di capire meglio l’universo che sta dietro la parola terzo settore tra fondazioni, associazioni ed enti di vario genere. «Di sicuro sono vicina a un contesto – dice – che mi appartiene da sempre per quanto riguarda i valori di solidarietà e condivisione». E, tra le sfide che ha già accettato, c’è anche quella di essersi iscritta a singoli corsi di Economia e Management  all’Università.

«Vorrei poter intraprendere la strada dell’insegnamento – dice -, ma anche cercare di capire se ci sono opportunità di collaborare con le associazioni che operano in questo ambito su specifici progetti».

E aggiunge: «Sono entusiasta di poter vedere da vicino come funzionino le realtà del no profit e sono determinata a far tesoro di tutti gli insegnamenti che trarrò dall’esperienza di collaboratrice junior della Fondazione della Comunità di Malnate, che credo essere una preziosa risorsa per la mia città».

Gaia: sono a VitaminaC per conoscere il terzo settore.

Gaia: sono a VitaminaC per conoscere il terzo settore.

Autore: Paola Provenzano

Mi occupo di comunicazione e dello storytellling di ciò che accade dentro e attorno all’Hub. Sono giornalista professionista: per lavoro e per mia natura sono uno spirito critico e non ho mai smesso di studiare. Mi piace raccontare storie.

Powered by: Dnamicom
>
VITAMINA C:
Via Brambilla 15, 21100 Varese Email: p.provenzano@csvlombardia.it m.vitalone@csvlombardia.it Telefono: 0332 237757
Un’iniziativa di..
CSVINSUBRIA - Centro di Servizio per il Volontariato dell'Insubria sede di Varese – via Brambilla n° 15 21100 Varese