14
03
2018

WOMEN MEET INNOVATION: una giornata dedicata all’innovazione femminile

Sabato 10 marzo si è tenuto a Milano WOMI – Women Meet Innovation , il primo convegno organizzato da PianoC (partner di CSV Insubria nel progetto LEI. Lavoro. Esperienze. Idee) – e centrato sulle attuali sfide del mondo del lavoro femminile (si è parlato anche di green jobs, sharing economy e artigianato 4.0).

E’ stata una giornata valida e stimolante, in cui è stato possibile ascoltare le esperienze di imprenditrici di successo e i consigli di molte esperte ed apprendere, così, nuovi strumenti utili al proprio percorso d’innovazione professionale. Ecco alcune delle suggestioni emerse che, in un momento lavorativo difficile (secondo i dati Istat solo il 49% delle donne è occupata e le imprese guidate una manager sono solo il 21%), ci elevano ed aprono al futuro.

Sul tema di genere è innanzitutto bene capire l’esistenza e il ruolo di stereotipi, che condizionano l’accesso femminile ai Tavoli di decisione, per un verso, e, per un altro verso, l’offerta del mercato.

Si tratta molto spesso di storie unicizzanti, che, pur utili in contesti complicati in cui è necessario velocizzare l’azione, danno informazioni parziali e una visione limitata di un fenomeno e tendono ad auto-alimentarsi e accrescersi.

La bella notizia è che questi schemi fissi oppongono sì resistenza al cambiamento, ma possono essere cambiati. Come?  Ad esempio, ragionando in termini evolutivi e ricordando che, secondo l’exaptation e la cooptazione, da un lato quei caratteri precedentemente modellati per una particolare funzione possono essere adottati per un nuovo utilizzo e, dall’altro lato, nuovi caratteri (anche non derivati direttamente dall’adattamento) possono venire adottati per l’uso corrente. Così, le donne possono apportare nel mondo del lavoro un nuovo modello di leadership, di tipo generativo, facendo leva sull’istinto costante alla cura che insistentemente allarga lo sguardo ad altro da sé e al futuro.

Momenti di riflessione e di incontro come WOMI sono energizzanti ed edificanti e ci insegnano ad osare ed usare in modo diverso quanto c’è già, a focalizzarci sulle caratteristiche della nostra offerta di valore, a curare le relazioni e a comunicare e presentarci in modo efficace, perché il nostro messaggio arrivi chiaro.

Grazie all’attivazione della Community di mentor, professioniste, organizzazioni e gruppi informali realizzata da PianoC, abbiamo imparato che si può pensare in termini innovativi e che ragionarci insieme aumenta il senso di possibilità e funziona meglio. Il coinvolgimento è un punto di forza!

Autore: ELEONORA MAGLIA

Svolgo ricerche sui progetti a finanziamento non pubblico di risposta ai nuovi rischi e bisogni sociali, per il Laboratorio Percorsi di Secondo Welfare del Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi di Torino. Pubblico articoli sui piani di investimento sociale per la testata on line www.secondowelfare.it e sono ormai prossima PhD in Economics of Production and Development (come progetto sto studiando i piani multistakeholder per il welfare community attuati nella Provincia di Varese).