13
11
2018

TROVA IL FUTURO CHE TI CERCA: il modello di LIUC per ampliare gli orizzonti dei giovani

Il 12 Novembre è stato inaugurato ufficialmente il nuovo Anno Accademico di LIUC, il polo universitario di Castellanza, la cui mission è centrata sulla formazione dei futuri manager chiamati a contribuire allo sviluppo economico del territorio varesino. La giornata di studio dedicata all’evento, che ha visto anche la partecipazione del Presidente di Confindustria Vincenzo Boccia, offre l’opportunità di riflettere sulla necessità di investire sui giovani e sull’innovazione come volano per un futuro solido e sostenibile. Vediamo qui qualche elemento in merito.

Sul tema, considerando i quattro fattori di produzione (capitale, lavoro, conoscenza e informazione) risulta innanzitutto chiaro quanto sia prioritaria per la crescita una forte focalizzazione sulle persone. Inoltre, posto che il lavoro concorre ad una piena realizzazione soggettiva, per ottenere una diffusa occupazione di qualità è particolarmente necessario investire in modo continuativo sulle fasce più fragili e garantire, così, un reale ed equo sostegno a tutta la comunità. In più, anche per costruire una coscienza civile dotata di capacità critica e visione della complessità sono ugualmente necessari superiori livelli di competenze e di approfondimento. Quindi, in direzione di uno sviluppo equo, risulta centrale un piano strategico che allochi in modo consistente le risorse verso percorsi di ricerca, opportunità esperenziali di stage e tirocini, nonché infrastrutture apposite, sapendo che, in questi casi, non vi è contemporaneità tra causa ed effetto e che i risultati di quanto si dispone nel presente si potranno vedere soltanto nel futuro.

Nello scenario descritto, qual è la soluzione concretamente proposta in LIUC? Dai dati forniti dal Rettore Federico Visconti è possibile isolare un modello operativo basato su tre pilastri (1) gestire la proposta del valore, (2) presidiare le relazioni con una pluralità di attori e (3) creare forze trainanti. Tutto ciò (sintetizzato nel motto TROVA IL FUTURO CHE TI CERCA), visti i risultati degli indicatori nazionali sulla qualità formativa, risulta particolarmente funzionante e attesta come questo approccio sia molto promettente anche per riuscire, prospetticamente e a livello Paese, ad innovare e a presidiare i mercati internazionali con prodotti che attraggano ricchezze da ridistribuire, poi, per ridurre efficacemente il divario socio-economico.

Autore: ELEONORA MAGLIA

Svolgo ricerche sui progetti a finanziamento non pubblico di risposta ai nuovi rischi e bisogni sociali, per il Laboratorio Percorsi di Secondo Welfare del Centro di Ricerca e Documentazione Luigi Einaudi di Torino. Pubblico articoli sui piani di investimento sociale per la testata on line www.secondowelfare.it e sono ormai prossima PhD in Economics of Production and Development (come progetto sto studiando i piani multistakeholder per il welfare community attuati nella Provincia di Varese).