06
04
2017
L'11 aprile 2017, VitaminaC ospita

OFF TOPIC – OGGETTI PER UN MONDO INTERIORE: TRA ART BRUT E DESIGN

Il design crea oggetti di consumo, luoghi, spazi e relazioni tra persone, attraverso una creativa soluzione ai problemi, analizzati da uno sguardo attento sul mondo; mentre l’art brut nasce lontano dalla socialità, da ricerche e soluzioni eccentricamente autobiografiche.

Il creatore “brut”, invece che focalizzarsi su quanto accade fuori di sé, perfeziona e inventa il mondo dentro di sé, definendo autonomamente le proprie regole ed il proprio vocabolario. Per questi inconsapevoli artisti, creare è un’attività privata, un impegno totalizzante che coincide con la propria vita.

Ci sono esponenti dell’art brut che progettano e creano oggetti per i loro mondi: Egidio Cuniberti costruiva mobili con cassette di frutta e bastoncini di gelato; André Robillard produce fucili, aerei e Sputnik con materiali di scarto e legno intagliato; Mattia Fiordispino -appassionato di motori e fantascienza- progetta astronavi, auto sportive, moto e costruisce modellini di aerei militari partendo da conoscenze tecniche precise, per poi superarle oltre il reale.

Una convergenza tra art brut e design sembra essere quella emergente dall’opera di alcuni designer che hanno deciso di “abbattere” le barriere della diversità, attraverso interessanti collaborazioni: We Are Lions,  ad esempio, è un’impresa sociale che fornisce opportunità ad artisti con disabilità, attraverso opere d’arte, moda e imprenditoria, seguendo il motto “Keep imaginin’, cause that’s what we’re bringing to reality”. Oppure lo stilista Christopher Kane, che ha fatto proprie alcune opere iconiche dell’atelier Gugging di Vienna, realizzando una collezione di abiti ispirati ai soggetti ripetitivi di Heinrich Reisenbauer e degli altri protagonisti della realtà austriaca.

La riflessione tra gli (im)possibili incontri di mondi così apparentemente diversi può forse dirci qualcosa di insolito e inconsueto su entrambi.

Autore: GLORIA MARCHINI

Diplomata in Valorizzazione dei Beni Culturali all’Accademia di Brera, si sta specializzando nel campo delle applicazioni digitali per l’arte. Nel 2014 ha aperto il blog outsiderartnow, per contribuire alla diffusione di questi temi in Italia. Dallo stesso anno collabora con la galleria Rizomi ArtBrut di Parma e, dal 2016, è tra i soci fondatori dell’associazione culturale Artètipi.