26
08
2019

L’Isola che c’è: appuntamento con l’economia solidale

Una Fiera che punta l’attenzione sulla sostenibilità, sulla valorizzazione del territorio, sulla centralità delle relazioni, la difesa e la promozione dei beni comuni e la partecipazione. Il tutto attraverso un programma fatto di spettacoli per grandi e bambini, concerti, ristorazione locale, biologica e del commercio equo, per stare insieme e divertirsi.

E’ l’Isola che c’è 2019, appuntamento che va in scena a pochi chilometri di distanza da Varese, a Villa Guardia, il 14 e 15 settembre prossimi. Una occasione interessante per chi condivide una visione che mette al centro il benessere per sé e per la comunità di cui fa parte e qui a VitaminaC siamo sicuri di essere in buona compagnia.

La Fiera è un appuntamento con 16 anni di storia sulle spalle e che, sempre più, si popone di essere anche un laboratorio di ricerca di azioni, progetti, aspirazioni e idee, produzioni, consumi consapevoli e relazioni con un alto valore etico e solidale.

L’appuntamento vede la partecipazione di 180 espositori, in prevalenza del territorio, presenti dall’apertura alle ore 20, e permette di conoscere progetti del terzo settore, ma anche acquistare prodotti sostenibili e partecipare a incontri, dibattiti, seminari, laboratori di autoproduzione e degustazioni. L’obiettivo è anche quello di mettere in relazione sostenibilità e territorio attraverso una rete virtuosa, costruita in oltre dieci anni di attività dall’insieme dei soggetti che costituiscono la Rete Comasca di Economia Solidale

Il programma è davvero molto vario e a questo link potete farvene una idea precisa: LINK

Dove e quando:

Sabato 14, dalle 10 alle 23; domenica 15 settembre, dalle 9 alle 23

Parco Comunale di Villa Guardia (Via Varesina), in provincia di Como.

NB – Evento d’apertura venerdì 13: cena con delitto (stand non allestiti, su prenotazione).

 

 

Autore: Paola Provenzano

Mi occupo di comunicazione e dello storytellling di ciò che accade dentro e attorno all’Hub. Sono giornalista professionista: per lavoro e per mia natura sono uno spirito critico e non ho mai smesso di studiare. Mi piace raccontare storie.