26
08
2019

HAPPY ENDING con Alcol Prevention Yeah

Alcol Prevention Yeah è un evento annualmente organizzato dalla Cooperativa Lotta Contro l’Emarginazione (COLCE) per informare sulle conseguenze dell’abuso di alcol all’interno di un contesto di divertimento. L’edizione 2019 HAPPY ENDING (lieto fine) è stata improntata sulla consapevolezza (con la presa di coscienza degli stati di ebbrezza attraverso simulatori della guida o della visione) e sul coinvolgimento (con il concorso miglior cocktail al limite 0,5 rivolto agli esercenti).

Questa manifestazione realizza periodicamente con successo un momento di inclusione sociale e di prevenzione ed è anche un riuscito esempio di applicazione virtuosa delle conclusioni presenti nella letteratura scientifica. Secondo l’health literacy, infatti, l’equipaggiamento, l’abilitazione e il coinvolgimento portano gli individui a svolgere un ruolo attivo nella cura di sé e, in più, gli studi di caso di co-economy mostrano bene come i piani d’azione convergenti siano particolarmente efficaci nei risultati. Alcol Prevention Yeah concretizza esattamente tutto ciò, infatti, utilizzando canali comunicativi calibrati sull’età dei destinatari per raggiungere maggiori livelli di efficacia, da un lato sviluppa l’empowerment dei più giovani e li coinvolge attivamente nelle scelte inerenti la propria condizione di salute e, d’altro lato, realizza azioni informative inclusive che attivano e sensibilizzano anche gli esercenti e tutta la comunità.

 

PERCHÉ È IMPORTANTE L’INFORMAZIONE IN ALCOLOGIA?

Secondo il Report statistico sul consumo di alcol in Italia, tra i minori il 51,7% consuma vino, il 47,8% birra e il 43,2% superalcoolici e, già a partire dal compimento della maggiore età, i valori di consumo si avvicinano a quelli della media della popolazione.

I comportamenti di consumo abituale eccedentario (che supera le quantità raccomandate dal Ministero della salute), o binge drinking, comportano consistenti conseguenze negative ad ogni età, ma è la popolazione dei giovani (18-24 anni) a sostenere un rischio maggiore, posto che in quell’età non si è in grado di metabolizzare adeguatamente l’alcol. Per l’azione dell’alcol sulle funzioni motorie, sensoriali e comportamentali, un’assunzione in dosi eccessive ha degli effetti che incidono sullo stato di salute e di riflesso comportano costi sociali ed economici per il sistema Paese e per la collettività. Il consumo di alcol da un lato è positivamente correlato e aumenta il rischio dell’insorgenza di numerose malattie (cirrosi epatica, pancreatite, tumori, epilessia e disturbi psichici) che aggravano le spese sostenute dal Sistema sanitario. D’altro lato è responsabile di danni indiretti dovuti a comportamenti a rischio assunti in stati di intossicazione acuta (a riguardo si consideri ad esempio che, secondo i dati messi a disposizione dal Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri e dal Servizio della Polizia Stradale del Ministero dell’Interno, un terzo degli incidenti stradali con lesioni sono ascrivibili alla guida sotto l’influenza dell’alcol).

Sono i momenti di socializzazione a risultare particolarmente critici, poiché facilitano episodi di ubriacatura concentrati in singole occasioni. Tra i frequentatori di discoteche, spettacoli sportivi e concerti, infatti, il binge drinking è più diffuso (32,2%) rispetto ai coetanei non frequentatori di feste (6,5%). Nell’ordine, i luoghi dove è avvenuto più frequentemente l’ultimo episodio di binge drinking sono casa di amici o parenti (39,3%); bar, pub o birreria (29,4%); ristorante, pizzeria, osteria (27,5%); casa propria (25,1%): discoteca/night (13,0%); all’aperto o in strada (5,3%) e altri luoghi come luoghi di degustazione (2,7%). Alla luce di ciò, oltre a Alcol Prevention Yeah, Cooperativa Lotta Contro l’Emarginazione promuove anche una Rete tra le Associazioni giovanili provinciali che organizzano eventi e feste. Così, continuativamente, viene attivata l’Unità Mobile Discobus, un servizio di informazione specifica e di riduzione dei rischi personali, sociali e sanitari connessi ad uso ed abuso di sostanze legali ed illegali. Tutto a vantaggio di serate di divertimento responsabile e in sicurezza, con un HAPPY ENDING.

 

Tags per questo post

Autore: ELEONORA MAGLIA

PhD di Economics, attualmente svolge attività di ricerca per il Centro di ricerca e documentazione Luigi Einaudi di Torino e collabora all’Osservatorio Nazionale sulle Politiche Sociali dell’Istituto di Ricerca Sociale di Milano. I risultati delle sue ricerche sono stati presentati in occasione di convegni accademici nazionali e pubblicati in riviste scientifiche e in volumi di ricerca collettanei.