11
12
2017
VitaminaC lavora sulla Conciliazione Vita Lavoro, insieme a PianoC con un progetto sull'autoimprenditoria femminile

CONCILIAZIONE – NUOVI PROGETTI E NUOVE SFIDE PER VITAMINA C NEL 2018

La conciliazione a VitaminaC è di casa da sempre perché un luogo come questo, che vuole essere attento al benessere, non poteva essere privo di strumenti concreti per conciliare impegni professionali e impegni familiari. E ora siamo pronti a fare un passo in più con il lancio di una nuova iniziativa.

Cosa è stato fatto?

Grazie a una progettazione regionale, che ha avuto come ente capofila il Comune di Tradate, lo scorso anno sono stati avviati una serie di servizi di conciliazione: partendo dalle piccole cose di ogni giorno, come il mettere insieme pranzo e cena o gestire la lavanderia. Grazie alla disponibilità di alcuni esercizi commerciali, che hanno creduto nell’idea, nel nostro paniere della conciliazione abbiamo messo il pranzo e la cena, per quando non si ha tempo di cucinare; la lavanderia, la sartoria e la stireria per quando i vestiti hanno bisogno di una rinfrescata ma il negozio chiude sempre troppo presto o apre troppo tardi. Abbiamo previsto anche l’assistenza tecnica per il computer, le ripetizioni per i figli, i libri della biblioteca da ordinare e consegnare in ufficio, o il ritiro dei pacchi per gli acquisti online.
Accedere ai servizi è stato reso semplice attraverso un modulo on line per prenotare ciò di cui si ha bisogno, tutte le volte che se ne ha bisogno. Per informazioni e dettagli aggiuntivi sui servizi attivati, qui si trova il catalogo.

Inoltre, insieme a Rete Giunca, abbiamo lavorato per fornire un supporto concreto ai lavoratori dipendenti che usufruiscono di particolari accordi aziendali, quali i programmi di smart work e lavoro agile, mettendo a disposizione gli spazi di VitaminaC a tutti quei lavoratori in cerca di una dimensione professionale più flessibile e vicina alle proprie esigenze.

Cosa succederà?

Ma non finisce qui. Dal 2018, infatti, la sfida per noi si farà ancora più grande grazie alla partecipazione ad una nuova progettazione sostenuta sempre da Regione Lombardia nell’ambito delle azioni volte a conciliare vita e lavoro (DGR 5969/2016 “Politiche di conciliazione dei tempi lavorativi con le esigenze familiari”). Sul tavolo c’è già una collaborazione con Piano C, il coworking milanese nato con la precisa volontà di supportare le mamme e ai papà lavoratori, mettendo a disposizione dei coworkers non solo delle scrivanie ma anche tanti servizi innovativi, come il co-baby, per dirne uno.

Insieme stiamo ragionando sull’autoimprenditorialità femminile, soprattutto quando rappresenta la risposta a un bisogno di conciliazione o all’esclusione dal mondo del lavoro in seguito alla nascita di un bambino.

I servizi di conciliazione sono stati rivolti ai dipendenti del Centro di Servizio per il Volontariato e a tutti gli hubbers di VitaminaC e saranno proprio loro nei prossimi giorni a raccontarci non solo cosa hanno visto succedere qui, ma anche cosa si aspettano sul tema nella loro vita da liberi professionisti alle prese con la gestione dei tempi di vita e di lavoro.

Autore: Paola Provenzano

Mi occupo di comunicazione e dello storytellling di ciò che accade dentro e attorno all’Hub. Sono giornalista professionista: per lavoro e per mia natura sono uno spirito critico e non ho mai smesso di studiare. Mi piace raccontare storie.